Spedizione gratuita in tutta Italia per ordini superiori a 59€, anche con pagamento in contrassegno

A cura della Dott.ssa

Stefania Niglio

Sono una biotecnologa per la salute, specializzata in biotecnologie del farmaco. Sono a capo del Brand WOW Effect e ho una grande passione per la ricerca. Da piccola il mio libro preferito era "Il libro dei perché". Sono curiosa e testarda. Mi piace viaggiare e credo nel valore della famiglia. Sono mamma di Alessandro e Sabrina.

Una Crema può causare una dermatite? SI

Una ricerca dell’ American Academy of Dermatology ha rilevato che l’adulto medio usa diversi prodotti  cosmetici al giorno, e molti di loro provocano irritazioni cutanee o reazioni allergiche.

Le allergie più comuni sono le dermatiti da contatto: un’infiammazione in cui la cute diventa pruriginosa, eritematosa e con piccole vescicole che spesso desquamano.

Insomma, ti sarà venuta l’orticaria solo a leggere quest’ultima frase.

Quanto  siamo“imprudenti” a volte nei nostri acquisti? Quanto può costarti lo shopping d’impulso, dettato dalla sfera sensoriale? Molto, ma non al portafoglio, alla tua pelle.

Quindi ti conviene leggere bene l’INCI o documentarti almeno un pochino sull’azienda che produce quella crema dal vasetto strepitoso ricoperto di glitter che ha attirato la tua attenzione. Sarebbe fighissima da esporre nel tuo bagno, ma probabilmente non così “piacevole“ da mettere sul tuo viso o sul tuo corpo.

Insomma, assolutamente non possiamo fare “di tutta l’erba un fascio” ma se hai bisogno di un oggetto d’arredo puoi comprare un vaso o una candela. I prodotti cosmetici sono una cosa seria: non devono essere belli, devono essere buoni. Buoni non significa costosi o di brand noti e pubblicizzati. Buoni significa ben formulati, e per capire se lo sono devi imparare a leggere l’etichetta o meglio, l’INCI (la lista degli ingredienti).

Le dermatiti da contatto possono essere causate sia dall’azione tossica diretta che può manifestarsi già dalla prima applicazione, sia da un’esposizione prolungata ad un agente sensibilizzante.

 

I maggiori responsabili delle reazioni cutanee sono:

 #Parabeni: utilizzati spesso come conservanti ,provocano reazioni allergiche, irritazioni cutanee, orticaria, dermatiti e allergie.

#Lanolina: un emolliente fortemente sensibilizzante.

#Nichel: un agente allergenico molto studiato tra i metalli nei confronti del quale si stima una sensibilizzazione sempre più frequente ed elevata.

#Profumo: l’allergia ai profumi è in forte crescita, si consiglia di acquistare sempre prodotti senza profumo, soprattutto se sono per il viso o l’igiene intima.

I cosmeceutici della linea WOW Effect sono formulati basandosi sul “concetto dei senza” cercando di evitare la presenza delle principali sostanze allergizzanti, per renderli accessibili anche alle pelli più delicate e sensibili. Tutta la linea WOW Effect è corredata da patch test e challenge test.

Una linea cosmetica viso senza profumo è qualcosa di bizzarro. Ma la linea WOW Effect non è cosmesi “di belletto” non fa leva sul contenuto “sensoriale”. Piace per l’efficacia, non per l’odore (che ammetto non essere esaltante) dell’acido mandelico. Piace per il risultato e il fatto che sia veramente gentile sulla pelle. E’ priva di parabeni, lanolina, profumo, oli minerali, SLES, SLS, glutine, paraffina. E’ Nickel Tested.

Grazie alla dizione “prodotti valutati e raccomandati dalla Società Italiana di Medicina Estetica Pratica” concessa dal comitato scientifico AMPIS, i prodotti WOW Effect sono consigliati da dermatologi e medici di medicina estetica per il trattamento dei principali inestetismi che colpiscono il viso e il corpo.

 

Articoli Correlati

Pubblicità ingannevole: come riconoscerla

Quando ero bambina, ogni volta che andavo a trovare mia nonna, mi dava dei consigli di salute e benessere. Affinchè dessi maggiore credito alle sue frasi, esordiva sempre con un “dice il libro…” e col passare del tempo, ho capito che quel libro -per lei- era più sacro delle sacre scritture.

Leggi Tutto »

SPF e carnagione chiara

Cominciamo dalle basi: SPF sta per “Sun Protection Factor”, che significa fattore di protezione solare.
E’ un numero che misura la capacità protettiva di un prodotto verso i raggi UVB che sono i responsabili delle scottature o eritemi solari.

Leggi Tutto »