Spedizione gratuita in tutta Italia per ordini superiori a 59€, anche con pagamento in contrassegno

A cura della Dott.ssa

Stefania Niglio

Sono una biotecnologa per la salute, specializzata in biotecnologie del farmaco. Sono a capo del Brand WOW Effect e ho una grande passione per la ricerca. Da piccola il mio libro preferito era "Il libro dei perché". Sono curiosa e testarda. Mi piace viaggiare e credo nel valore della famiglia. Sono mamma di Alessandro e Sabrina.

Nulla è per sempre, neanche il botulino

Secondo Wikipedia, la medicina estetica “è una branca medica che si occupa di migliorare la qualità della vita di chi vive un disagio per un inestetismo. Propone un programma di prevenzione e terapia dell’invecchiamento generale e cutaneo e si occupa della correzione degli inestetismi dell’intero organismo”.

Una volta c’era il chirurgo plastico, le sue “creazioni” facevano furore nei cinepanettoni. Seni maggiorati, labbra a canotto e zigomi turgidi come palloncini.

Da qualche anno, il trend dell’estetica avanzata si è spostato verso la medicina estetica, alla ricerca di risultati meno accentuati e più “naturali”. L’effetto più sobrio ha attirato così anche persone che non si sarebbero mai sottoposte alla chirurgia plastica.

Viviamo in una società dove l’aspetto esteriore conta moltissimo, e questo lo sappiamo tutti. Per quanto possiamo imparare ad apprezzare una persona per le sue qualità, competenze o attitudini e per la sua simpatia, la prima impressione è legata all’aspetto fisico, a quello che vedono i nostri occhi quando entriamo in contatto con lei. La voglia di piacere e di piacersi è comune sia agli uomini che alle donne. Tra il rifarsi il naso e tentare di cancellare una ruga sulla fronte c’è differenza, ma per la sfera psicologica le due cose possono avere lo stesso “peso”… insomma, volere sembrare più giovani non è un desiderio meno nobile di aggiustare un naso aquilino ereditato dal padre.

Per quanto riguarda i trattamenti anti-age la medicina estetica offre molte possibilità. La continua ricerca nel settore porta gli studi medici a proporre trattamenti sempre nuovi. L’acido ialuronico e le iniezioni di botulino sono senz’altro i più noti e comuni e molte persone si sottopongono a queste iniezioni con regolarità, anche 3 o 4 volte in un anno.

Il trattamento “invasivo” che dà un’efficacia immediata e tangibile deve comunque essere sempre accompagnato da una beauty routine quotidiana.

Anche chi fa il botulino non può esimersi dal curare la sua pelle ogni giorno. Non può evitare di usare una crema tutte le mattine e deve utilizzare con una certa frequenza anche maschere e peeling se vuole mantenere e amplificare gli effetti della seduta col medico. Si chiama tecnicamente “mantenimento domiciliare” e i medici più attenti lo prescrivono sempre. Il medico estetico deve fare capire al paziente che i miracoli non esistono e deve guidarlo in un percorso consapevole che passa anche attraverso l’analisi delle sue abitudini per farlo arrivare ad un risultato migliore.

La pelle è un organo vivo, va nutrito ogni giorno. Stareste un giorno senza mangiare o bere? Forse sì ma questo provocherebbe delle ripercussioni sul vostro organismo. Vi sentireste stanche, spossate. Così si sente la vostra pelle quando non mettete una crema. E’ sottinteso che non parlo di una crema qualsiasi. Non me ne vogliano i marchi che spopolano nella grande distribuzione ma se non mettete una delle loro creme non fate nessun danno, anzi, probabilmente vi fate un piacere, evitando di bombardarvi le cellule con paraffina, lanolina e parabeni che sono alquanto dannosi.

Il medico non ha il potere di “congelarvi” quindi non basta andarci tre volte l’anno per sembrare più giovane. Occorre supportare quel risultato con dei cosmeceutici che utilizzano attivi ad alta concentrazione in grado di rendere la pelle più elastica e tonica. L’optimum sarebbe scegliere prodotti che hanno gli stessi principi attivi usati nell’iniezione per creare una sorta di “richiamo” quotidiano.

WOW Effect è nato a supporto della pratica clinica degli specialisti. I cosmeceutici viso contengono acido ialuronico cross-linkato (una forma comunemente presente nei filler che penetra più facilmente nella cute e che ha un’evimita maggiore perché più resistente al taglio enzimatico delle ialuronidasi) e botopeptide (un frammento del botox che distende le rughe) oltre ad un complesso di multivitamine in liposomi ad azione energizzante e rivitalizzante.

I medici del comitato scientifico AMPIS (medicina estetico pratica nazionale) consigliano e raccomandano la linea WOW Effect come linea di mantenimento anche quando si ricorre ad interventi estetici. In modo particolare, si consiglia di utilizzare il Detergente struccante tonificantela Crema e il Siero Anti-Age tutti i giorni e di fare la Maschera Antirughe una volta a settimana. Con questi 4 prodotti la pelle resterà distesa e apparirà maggiormente rimpolpata giorno dopo giorno, con effetti anche sulla luminosità dell’incarnato.

La medicina estetica riesce ad alleviare un disagio per un inestetismo non accettato, con notevoli benefici sull’autostima di molte persone. La scelta del professionista a cui affidarsi è fondamentale: è bene preferire medici che stilano un programma di prevenzione dell’invecchiamento generale e di quello cutaneo in particolare. Medici che non solo vogliono correggere a suon di aghi gli inestetismi già presenti ma che supportano il paziente quotidianamente nella prevenzione e nel mantenimento.

Concludo con una considerazione che forse nessun medico mai vi confesserà: se il mantenimento domiciliare è ben fatto, i tempi tra una seduta e l’altra si allungano.

Insomma, nulla è per sempre, neanche il botulino.

Articoli Correlati

Pubblicità ingannevole: come riconoscerla

Quando ero bambina, ogni volta che andavo a trovare mia nonna, mi dava dei consigli di salute e benessere. Affinchè dessi maggiore credito alle sue frasi, esordiva sempre con un “dice il libro…” e col passare del tempo, ho capito che quel libro -per lei- era più sacro delle sacre scritture.

Leggi Tutto »

SPF e carnagione chiara

Cominciamo dalle basi: SPF sta per “Sun Protection Factor”, che significa fattore di protezione solare.
E’ un numero che misura la capacità protettiva di un prodotto verso i raggi UVB che sono i responsabili delle scottature o eritemi solari.

Leggi Tutto »