Spedizione  gratuita per ordini superiori a 59€

A cura della Dott.ssa

Stefania Niglio

Sono una biotecnologa per la salute, specializzata in biotecnologie del farmaco. Sono a capo del Brand WOW Effect e ho una grande passione per la ricerca. Da piccola il mio libro preferito era "Il libro dei perché". Sono curiosa e testarda. Mi piace viaggiare e credo nel valore della famiglia. Sono mamma di Alessandro e Sabrina.

Cosa vuol dire prodotto Cruelty Free

Tutti abbiamo sentito parlare di cosmetici “cruelty free” ovvero “non testati su animali”, ma cosa significa esattamente?

Prima di mettere in commercio un prodotto questo deve essere testato sugli animali affinché non causi problemi a chi lo utilizza: infatti i test sugli animali per ingredienti cosmetici riguardano la tossicità e possono essere somministrati per l’intera durata della vita dell’animale oppure durante la gravidanza per testare eventuali danni sulla prole.

Per chi non lo sapesse, nel marzo 2013 le cose sono cambiate e in Europa è entrato in vigore il divieto totale di testare sugli animali i prodotti cosmetici. Quindi, le aziende che sui loro flaconi pubblicizzano il fatto che non testano sugli animali stanno esaltando una cosa ovvia, per legge non si può fare. E’ come se mi vantassi che non faccio un murales su un palazzo del centro storico, insomma.

In realtà, già dal 2009, i test sugli animali per ingredienti cosmetici erano vietati ma gli ingredienti potevano essere testati su animali fuori dai confini dell’Unione Europea. Dal 2013 invece in Europa non solo non è possibile effettuare test su animali ma soprattutto non possono essere venduti i prodotti che contengono  ingredienti testati su animali in qualunque parte del mondo.

Abbiamo quindi la certezza di comprare prodotti cosmetici cruelty free? In realtà no.

Innanzitutto nei prodotti cosmetici possono essere utilizzati ingredienti testati sugli animali che sono stati sviluppati per altri ambiti, come quello farmacologico o alimentare; inoltre gli ingredienti che sono stati testati prima del 11 marzo 2013 si possono ancora usare.

Infine pensiamo ad un brand multinazionale che vende i suoi prodotti in diversi paesi del mondo, questo potrà mai essere cruelty free? Ovviamente no, perché le leggi sono diverse per ogni paese e quindi, se un brand vende in tutto il mondo e non solo in UE può naturalmente fare test sugli animali per la vendita di ingredienti che faranno parte dell’INCI di altri loro prodotti, venduti in altre nazioni.

 

 

References:

  1. http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?id=160&area=cosmetici&menu=vuoto
  2. Regolamento CE 1223/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio sui prodotti cosmetici

 

Articoli Correlati

La skincare riguarda uomini e donne

In questo articolo vorrei chiarire due cose:
La cura della pelle (o ”skin care” come si usa dire oggi) riguarda non solo le donne ma anche gli uomini.
Gli uomini possono utilizzare gli stessi cosmetici che usano le donne.

Leggi Tutto »

La ginnastica facciale

Le rughe sono solchi che testimoniano l’invecchiamento della nostra pelle. Rappresentano il nostro passato, eppure facciamo davvero molta fatica ad accettarle. L’invecchiamento cutaneo è un processo fisiologico del tutto naturale che interessa tutti gli individui.

Leggi Tutto »