Spedizione gratuita in tutta Italia per ordini superiori a 59€, anche con pagamento in contrassegno

A cura della Dott.ssa

Stefania Niglio

Sono una biotecnologa per la salute, specializzata in biotecnologie del farmaco. Sono a capo del Brand WOW Effect e ho una grande passione per la ricerca. Da piccola il mio libro preferito era "Il libro dei perché". Sono curiosa e testarda. Mi piace viaggiare e credo nel valore della famiglia. Sono mamma di Alessandro e Sabrina.

Acido ialuronico |Perchè è importante per la pelle?

L’acido ialuronico (HA) è un polisaccaride prodotto dall’organismo umano e animale. E’ una molecola molto flessibile formata da lunghe sequenze di due zuccheri semplici che ha molteplici funzioni e un ruolo chiave nell’idratazione, proteggendo i tessuti. E’ infatti un costituente fondamentale della matrice extracellulare insieme a collagene, elastina e fibronectina.

La sua individuazione in diversi tessuti umani è relativamente recente: correva l’anno 1960 quando due scienziati isolarono l’acido ialuronico per la prima volta.

Negli ultimi 60 anni moltissimi gruppi di ricerca si sono concentrati sullo studio di questa molecola, per identificarne le funzioni e la distribuzione. Circa la metà dell’acido ialuronico si trova nella pelle (nel derma). Concentrazioni interessanti sono state rilevate anche nell’ umor vitreo dell’occhio, nel liquido sinoviale, nella cartilagine, nei tendini, nel cordone ombelicale, nelle pareti dell’aorta e in organi vitali come polmoni, reni e cervello.

L’HA viene prodotto sulla superficie interna della membrana plasmatica cellulare. Le catene formate vengono estruse nello spazio extracellulare, dove vanno a legare le altre proteine della matrice extracellulare.

Gli enzimi implicati nella sintesi di acido ialuronico formano catene di diversa lunghezza: ci sono catene più lunghe denominate ad “alto peso molecolare” (≥ 300 kDa) e catene più corte che sono “a basso peso molecolare” (< 300 kDa). Il peso molecolare ha un ruolo biologico importante in quanto incide sulla capacità di penetrazione dell’acido ialuronico nei tessuti. La quantità di HA assorbito è inversamente proporzionale al suo peso molecolare: questo significa che più basso è il peso molecolare, più facilmente quell’acido ialuronico sarà assorbito.

L’Acido ialuronico assume un ruolo chiave nell’idratazione dei tessuti perché funge da serbatoio di acqua: la trattiene e la rilascia in base al fabbisogno. Immaginate i vostri zigomi come le gobbe di un cammello: utilizzare con costanza acido ialuronico vi consentirà di mantenerli turgidi. La pelle apparirà tonica e rimpolpata.

L’ assenza o la diminuzione della sintesi di questo acido porta a perdita di elasticità e invecchiamento cutaneo, oltre che osteoporosi in quanto la molecola protegge i tessuti da tensioni e sollecitazioni mantenendo elastiche le articolazioni. Altra funzione biologica importante è sull’integrità tissutale: l’acido ialuronico rigenera i tessuti danneggiati. In questo articolo ovviamente non vi parlerò delle infiltrazioni al ginocchio ma dell’utilizzo della molecola in estetica.  Il fatto che lo ialuronico svolga un ruolo fondamentale nel mantenere la pelle idratata, tonica ed elastica, lo rende sicuramente la molecola “principe” su cui concentrare le strategie anti-età.

Perché assumere acido ialuronico? Perché la produzione endogena diminuisce con la crescita dell’individuo, già a partire dai 25 anni di età.

Diversi studi hanno messo in evidenza che il tasso di assorbimento dell’HA è direttamente proporzionale alla concentrazione (più ne assumo, più ne assorbirò).

I primi prodotti cosmetici a base di acido ialuronico (con effetto anti-age) erano costituiti da catene lineari immodificate. Nel tempo, la ricerca (con l’obiettivo di migliorare le proprietà meccaniche di questo acido e ridurne il tasso di degradazione) ha portato allo sviluppo dell’acido ialuronico cross-linkato. Se l’acido ha una forma maggiormente resistente, il tempo di permanenza nel sito di applicazione sarà più lungo.

Il cross-linking, consente di unire molecole di acido ialuronico lineare mediante un legame chimico, formando un acido ialuronico reticolato che ha un peso molecolare più elevato rispetto a quello lineare. Immaginate catene di ialuronico intrecciate come la trama di un paniere: l’HA reticolato ha una stabilità superiore e resiste più tempo al taglio delle ialuronidasi, enzimi spietati che hanno il compito di degradarlo. Se aumenta la resistenza della molecola, aumenta il suo tempo di permanenza nei tessuti. L’acido ialuronico avrà più tempo per fare il suo lavoro (mantenendo più a lungo la pelle elastica, tonica e rimpolpata). Infatti, per ottenere il medesimo beneficio, con l’acido ialuronico cross-linkato è necessario un numero di somministrazioni inferiore rispetto a quello lineare.

L’acido ialuronico reticolato è quello che si trova nei filler per intenderci. In commercio sono disponibili prodotti diversi con caratteristiche differenti in relazione al grado di cross-linking: un basso grado dà origine a gel morbidi e facilmente iniettabili ma poco stabili; per contro, un grado elevato di cross-linking produce un gel con buone proprietà meccaniche e un maggior tempo di permanenza nella sede di iniezione, ma è meno facile da iniettare. Ovviamente quando parliamo di interventi di medicina estetica c’è uno specialista ad orientare un paziente verso il prodotto maggiormente adeguato.

L’acido ialuronico cross-linkato non è presente solo nei filler, ma anche in prodotti cosmeceutici che nascono da un processo di ricerca e sviluppo.

I prodotti della linea viso WOW Effect contengono acido ialuronico cross-linkato e risultano efficaci nel prevenire l’invecchiamento cutaneo e contrastare le rughe medie e profonde. L’effetto è immediato, la pelle risulta distesa, rimpolpata e maggiormente elastica: benefici che crescono nel tempo, giorno dopo giorno.

Articoli Correlati

Pubblicità ingannevole: come riconoscerla

Quando ero bambina, ogni volta che andavo a trovare mia nonna, mi dava dei consigli di salute e benessere. Affinchè dessi maggiore credito alle sue frasi, esordiva sempre con un “dice il libro…” e col passare del tempo, ho capito che quel libro -per lei- era più sacro delle sacre scritture.

Leggi Tutto »

SPF e carnagione chiara

Cominciamo dalle basi: SPF sta per “Sun Protection Factor”, che significa fattore di protezione solare.
E’ un numero che misura la capacità protettiva di un prodotto verso i raggi UVB che sono i responsabili delle scottature o eritemi solari.

Leggi Tutto »